Staff

L’Aref, associazione culturale ed artistica, è intitolata ai pittori Giovan Battista Ferrari ed Emilio Rizzi.

Direttivo

Roberto Ferrari   Presidente dell’Associazione
Miretta Rizzi Miari   Vicepresidente dell’Associazione
Salvatore Ferrari   Socio fondatore dell’Associazione
Norma Giacomini   Socio fondatore dell’Associazione
Carla Angela Volpi   Socio fondatore dell’Associazione

Esecutivo

Roberto Ferrari
Silvia Iacobelli

Commissione di Gestione

Federica Bertella: Si è laureata nel 2008 in Scienze dei Beni Culturali presso l’Università Cattolica di Brescia con una tesi sul pittore Ugo Aldrighi. Nello stesso anno vince la borsa di studio La Visione del Sebino nell’Arte: pittori che hanno dipinto il lago d’Iseo nel ‘900 ed il relativo contesto artistico, messa in palio dall’Assessorato alla Cultura ed alle Identità Territoriali della Comunità Montana del Sebino Bresciano, in collaborazione con l’Aref di Brescia, ed è segretaria di giuria del concorso biennale di pittura del Premio Rizzi. Partecipa alle iniziative e agli studi promossi dall’Archivio dell’Aref, in particolare collabora alla redazione delle schede biografiche degli artisti per la pubblicazione Verso l’arte. Artisti bresciani a Brera (2009). Nel 2011 consegue la laurea specialistica in Storia e Critica d’Arte con una tesi intitolata Il fenomeno delle “Grandi Mostre”: il caso di Brescia anni ’90  e contemporaneamente collabora con Fabiana Verrillo alle ricerche coordinate dal prof. Roberto Ferrari sul polo formativo dell’Accademia Carrara di Bergamo per la pubblicazione del volume La geografia dei sistemi dell’arte nella Lombardia ottocentesca. Con Marco Camisani e Silvia Iacobelli  si occupa della creazione di un osservatorio sugli artisti e i curatori attivi a Brescia.

Marco Camisani: Si laurea nel 2007 in Scienze e Tecnologie delle Arti e dello Spettacolo presso l’Università Cattolica di Brescia. Collabora con l’Aref dal 2004 specializzandosi sulla vita e le opere di Giobatta Ferrari, sulla nascita del sistema dell’arte a Brescia e sulla storia dell’Associazione Artisti Bresciani (A.A.B.), pubblicando per ognuno di questi temi degli scritti. Dal 2011 sta svolgendo ricerche sulla situazione degli artisti contemporanei e sull’attuale sistema dell’arte, collaborando alla realizzazione della giornata d’incontro“cfr. – associazioni a confronto” e alla stesura del documento “La cultura e l’arte come nuove forme di riqualificazione e sviluppo”. Opera attivamente nella gestione della Galleria di SpazioAref.

Roberto Ferrari: Diplomatosi al Liceo artistico Brera, sezione staccata di Bergamo, dopo aver frequentato il corso di Lettere moderne all’Università statale di Milano, si è laureato in Architettura indirizzo urbanistico al Politecnico di Milano. Ha svolto per molti anni l’attività di operatore socio-culturale per la Regione Lombardia, pubblicando per il Comune di Bergamo saggi sull’educazione permanente. Ha insegnato a lungo nella scuola statale curando particolarmente la sperimentazione nell’uso dei linguaggi multimediali e nell’orientamento scolastico. Lasciata la scuola a metà anni Novanta ha collaborato nella creazione e gestione della Galleria d’arte Gio Batta di Brescia. Direttore negli anni Settanta della rivista trimestrale di economia politica “Passato e Presente”, ha collaborato con l’Istituto bergamasco per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea, con l’AAB come membro del direttivo, con la rivista “Museo bresciano” dei Civici Musei d’arte e storia di Brescia, con “AB Atlante bresciano”, e ha creato nel 2000 la serie editoriale d’arte Segmenti. Nel 2001 è tra i fondatori dell’Aref, di cui è il Presidente. Studioso dei sistemi dell’arte dal 2002 ha svolto ampie ricerche sull’arte bresciana e lombarda, collaborando soprattutto con amministrazioni pubbliche per la realizzazione di mostre antologiche e retrospettive (Ferrari 1990-1992-1993-1996-2000-2006; Amus 1994, A.A.B. 1995, Verni 1995, Lancini 1997, Cattaneo 1998, Filippini, 1999, Rizzi 2002, Ragni 2003, Monti 2005). È il principale referente del centro studi e dell’ archivio dell’Aref. Coordina la Commissione di Gestione, indicando le linee di azione per cercare di migliorare continuamente il progetto culturale dell’associazione.

Salvatore Ferrari: Laureato nel 2000 in Conservazione dei Beni Culturali all’Università di Udine, consegue la specializzazione in storia dell’arte e delle arti minori nel 2004 presso l’Università di Padova. Dal 2013 è funzionario storico-culturale della Soprintendenza per i beni culturali della Provincia autonoma di Trento. Dal 2004 al 2012 ha collaborato con il Castello del Buonconsiglio di Trento e con la Fondazione “Rasmo-Zallinger” di Bolzano. Ha promosso e coordinato giornate di studio e cicli di conferenze inerenti la tutela, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio culturale trentino e ha collaborato all’organizzazione di varie mostre d’arte. Dal 2004 fa parte del Consiglio Direttivo della sezione trentina di Italia Nostra. Collabora con l’Aref dalla sua fondazione, come membro del Direttivo. Ha pubblicato vari studi di carattere storico e artistico, tra cui “La pittura di storia alle Esposizioni di Brera nell’Ottocento” in “Vado a Brera” (2008); “Val di Sole: storia arte paesaggio” (2004); “I chiostri canonicali veronesi” (2002).

Silvia Iacobelli: Si laurea nel 1999 in Conservazione dei Beni Culturali all’Università di Udine. Fino al 2008 lavora presso la Galleria d’Arte Gio Batta. Nel 2001 è socio fondatore dell’Aref. Collabora alla realizzazione di numerose mostre a Brescia e provincia dedicate ai maggiori protagonisti dell’arte bresciana dell’Ottocento e del Novecento (Vittorio Botticini, Giovan Battista Ferrari, Francesco Filippini, Ermete Lancini, Eugenio Levi, Cesare Monti Enrico Ragni, Emilio Rizzi, Pierca) e scrive diversi contributi per la linea editoriale Segmenti. È membro dell’esecutivo, responsabile della segreteria amministrativa e della distribuzione delle pubblicazioni dell’associazione. Cura il servizio di conversazioni di storia dell’arte. Con Marco Camisani e Federica Bertella costituisce la commissione interna per la creazione di un osservatorio sugli artisti e i curatori attivi a Brescia.

Massimo Migliorati: nel 2011 ha conseguito il dottorato all’Università Cattolica di Milano studiando le carte critiche di Ungaretti. Si interessa di poesia dell’800, del ’900 e contemporanea. Suoi studi sulla poesia di Carlo Porta, Giuseppe Ungaretti, Giovanni Giudici e Luciano Erba sono apparsi sulle riviste «Testo», «Letteratura e dialetti», «Otto/Novecento», «Poesia» e «Zeta». Ha curato testi e traduzioni delle Poesie di Carlo Porta (introduzione di Pietro Gibellini, Mondadori, 2011). Con l’editore Campanotto ha pubblicato“Dintorno (2006, postfazione di Alessandra Giappi), “Qualcosa del resto (2012, postfazione di Giancarlo Pontiggia) e Città (2014). La“plaquette Natura è stata stampata per i tipi de “Il ragazzo innocuo(2016). Alcuni testi sono apparsi sulla rivista «Città e dintorni» (98 – 2009) con il commento di Franca Grisoni, altri, inediti, sono stati pubblicati sulla Chicago Quarterly Review (20 – 2015). Dal 2013 cura per SpazioAref la rassegna fareSpazio alla poesia con l’intento di creare occasioni per conoscere la poesia contemporanea.

Mauro Montalbetti: Riconosciuto dalla critica come uno dei compositori italiani più eseguiti e premiati della sua generazione, coltiva la passione per il mondo dell’arte contemporanea collaborando dal 2005 con l’Aref, per la quale a partire dal 2007 organizza concerti e conferenze sulla musica contemporanea. Nel 2009 contribuisce alla nascita del progetto Aref in musica curando una rassegna di concerti e conferenze dedicati alla diffusione della musica del XX secolo.

Fabiana Verrillo: Si laurea nel 2009 in Scienze dei Beni Culturali presso l’Università degli Studi di Milano, con una tesi sulle Esposizioni del Sindacato fascista Belle Arti di Brescia dal 1928 al 1936. Partecipa al riordino e alla digitalizzazione dell’archivio dell’Aref e nel 2011 realizza con Federica Bertella, coordinate dal prof. Roberto Ferrari, le ricerche sul polo formativo dell’Accademia Carrara di Bergamo per la pubblicazione del volume La geografia dei sistemi dell’arte nella Lombardia ottocentesca. Attualmente è iscritta al corso di laurea specialistica in Storia e Critica dell’Arte presso l’Università degli studi di Milano.

error: Contenuto protetto !!