Aref in musica,Conferenze,News

SpazioAref | domenica 12 gennaio 2020 | ore 18.00
 
appuntamento della rassegna a cura di Mauro Montalbetti
interviene Mirko Ghirardini
 
La serata è dedicata ai brani per clarinetto del maestro Armando Gentilucci (1939-1989), eseguiti da Mirko Ghirardini, uno dei più importanti interpreti italiani, e da lui raccolti in un cd edito dalla casa editrice EMA Vinci contemporanea con il sostegno di SIAE – classici di oggi.
 
informazioni e prenotazione obbligatoria
e-mail: info@aref-brescia.it
telefono: 030.3752369

alle 18.00 il posto dei prenotati verrà ceduto alle persone in attesa
Conferenze,News

Domenica 22 dicembre alle ore 18.00 verrà presnetato il documentario-inchiesta di Rosy Battaglia che ha raccolto le immagini delle principali iniziative civiche e civili dei cittadini bresciani a partire dal 2013, che si sono mobilitati contro le gravi compromissioni ambientali a Brescia e provincia. Una delle più ricche ma più inquinate d’Italia.
 
Blogger dal 2005 e giornalista dal 2008, Rosy Battaglia ha maturato l’esperienza di data, investigative e civic journalism grazie a Cittadini Reattivi, progetto di Crowdsourcing Journalism su salute, ambiente e legalità, dal lei ideato, e premiato da Fondazione Ahref nel 2013 che fa parte del crowd-Powered News Network e ha aderito alla compagna per il Freedom Information Act in Italia a sostegno del diritto di sapere e libertà di accesso alle informazioni detenute dalla Pubblica Amministrazione, da parte dei cittadini.
 
 
Conferenze,News

Domenica 24 novembre alle ore 18.00 si terrà la conferenza a cura di Francesca Pensa

Raffaele De Grada (1916-2010) iniziò il suo impegno di critico d’arte negli anni trenta del novecento nell’ambito della rivista “Corrente”; tutta sua lunga e successiva carriera ebbe come costante interesse l’indagine dell’arte, con un’attenzione particolare per quella contemporanea, interpretata come strumento di lettura e di comprensione critica della realtà. Strettamente collegata alla sua attività di intellettuale fu poi la sua azione politica, che lo vide combattente negli anni della lotta partigiana e partecipe, con coscienza costantemente vigile oltre che con rilevanti impegni istituzionali, agli avvenimenti dell’Italia dal dopoguerra fino agli esordi del nuovo millennio.

ingresso libero con prenotazione obbligatoria

e-mail: info@aref-brescia.it
telefono: 030.3752369

alle 18.00 il posto dei prenotati verrà ceduto alle persone in attesa

Conferenze

Domenica 17 novembre alle ore 18.00 si tiene la conferenza su Fernanda Wittgens a cura di Francesca Pensa

Fernanda Wittgens (1903-1957) è stata tra le prime donne a ricoprire, sin dagli anni trenta del novecento, importanti ruoli nelle Soprintendenze, nell’impegno costante della tutela e della valorizzazione dei Beni Culturali. Nel tempo della guerra la sua azione fu decisiva per la salvezza del patrimonio artistico della Pinacoteca di Brera di Milano, della cui ricostruzione, dopo le rovine dei bombardamenti e con la Liberazione, fu assoluta protagonista. Il suo lavoro di storica dell’arte fu sempre sostenuto da ideali civili e sociali, che portarono, negli anni quaranta, al suo arresto e a un processo per l’aiuto prestato a perseguitati politici ed ebrei.

ingresso libero con prenotazione obbligatoria

e-mail: info@aref-brescia.it
telefono: 030.3752369

alle 18.00 il posto dei prenotati verrà ceduto alle persone in attesa

Conferenze,News

Le litografie esposte rappresentano uno strumento efficace attraverso cui è possibile ricostruire una parte rilevante dell’intero percorso espressivo di uno dei massimi protagonisti dell’arte americana del secolo XX.

Durante tutto il periodo dell’esposizione, nei giorni di sabato e domenica alle ore 17.00, l’Aref propone al pubblico la visita guidata alla mostra per illustrare gli aspetti peculiari e caratteristici delle opere esposte.

Prenota ora la tua visita guidata!

Conferenze

Domenica 3 novembre, alle ore 18.00 a SpazioAref, Chiara Stella Sara Alberti affronta il tema México en Italia. Diffusione, percezione e rielaborazione dell’arte messicana postrivoluzionaria in Italia. 1950-1980. L’arte messicana postrivoluzionaria arriva in Italia con la Biennale di Venezia del 1950 e si diffonde nei vent’anni successivi attraverso mostre e pubblicazioni, lasciando tracce profonde nel panorama artistico italiano.
Artisti e intellettuali dopo la seconda guerra mondiale cercano una “ricetta” per fare arte impegnata che sia testimonianza universale della condizione umana e strumento per il benessere sociale, senza rinunciare alla libertà di linguaggio. Ed è proprio nell’arte messicana che, all’interno del dibattito internazionale fra astrazione e realismo, si vorrà identificare la possibile “terza via”. Il muralismo messicano, in particolare, diverrà un modello di riferimento iconografico e stilistico per i pittori che in Italia, a partire dagli anni ‘50, ma soprattutto negli anni ‘60 e’70, vorranno con la pittura “innalzare bandiere”.

ingresso libero – prenotazione obbligatoria

Conferenze

Domenica 27 ottobre, alle ore 18.00 a SpazioAref, Roberto Ferrari approfondisce la figura del muralista messicano Siqueiros artista della rivoluzione. I suoi murales sono un quadro panoramico costituito da mille dettagli che rivelano la storia del popolo messicano e delle sue lotte per l’indipendenza e per la rivoluzione.
L’artista è tra i più importanti autori del secolo scorso poiché ha saputo proporre una concezione dell’arte assolutamente innovativa, ed ha elaborato nuove teorie dello spazio figurativo, in cui lo spettatore è parte organica dell’opera. Inoltre Siqueiros ha utilizzato moderne tecniche e materiali che hanno fatto di lui uno
dei più avanzati sperimentatori di nuove tecnologie legate alla pittura.

ingresso libero – prenotazione obbligatoria

error: Contenuto protetto !!